WikiYoga

 
 

Conosciamo tutti Wikipedia e l'impegno che l'uomo ha sempre profuso per coltivare, rendere fruibile e tramandare il sapere. 

L'obiettivo di WikiYoga è di diffondere la conoscenza relativa allo Yoga, alimentando Wikipedia con il contributo volontario di tutti gli interessati a questo progetto.

Hai cercato un termine di filosofia indiana e non l'hai trovato? Perché non lo aggiungi tu?

A partire dall'autunno proporremo regolarmente nuovi contributi, quindi se hai una proposta e ti interessa partecipare scrivici ad associazione@yogacollective.it

 

Yoga Day

YogaDay.jpg

L'11 dicembre 2014 l'UNGA (United Nations General Assembly) proclama la prima giornata internazionale dello yoga. Il solstizio d'Estate, il giorno più lungo dell'anno, viene scelto come data per i festeggiamenti. Il 21 giugno 2015 nelle piazze, nei parchi e negli spazi dedicati allo Yoga delle grandi città di tutto il modo gli yogin si sono radunati al primo International Yoga Day. 

Per festeggiare l'International Yoga Day, ogni anno a partire dai primi mesi dell'anno iniziamo ad organizzarci per coordinare le idee e le iniziative dei soci e per realizzare un evento promosso da Yoga Collective e dalla nosta community di soci. Obiettivo? Diffondere e promuovere il valore dello Yoga e della pratica: se hai idee, proposte o desideri collaborare all'organizzazione annuale della manifestazione, scrivici ad associazione@yogacollective.it, ti aspettiamo..

BE PART OF IT!

Social Yoga

 

Yoga Collective con il progetto Social Yoga si pone l’obiettivo di creare un punto di riferimento per l’organizzazione di programmi di yoga per il sociale e il volontariato in collaborazione con diversi enti a utilità sociale. 

Il fine è quello di usare le competenze degli insegnanti di yoga per creare gruppi coesi di sostegno per dare spazi di benessere a persone con disagi fisici o sociali, senza voler sostituire le figure dell’educatore, dello psicologo, o del medico.

 

Obiettivi

 

  • Proporre progetti ex-novo coinvolgendo i soci
  • Assistere gli insegnanti che vogliono intraprendere il percorso di yoga per il sociale
  • Creare una rete di contatti che faciliti l’avvio di nuovi progetti
  • Generare format di progetto che aiutino nell’iter burocratico delle iniziative
  • Raccogliere, sviluppare e documentare il know-how necessario per portare avanti progetti nel sociale, analizzando per ogni situazione problematiche e potenzialità

 

In pratica

 

  • Progetti di yoga per il sociale in diverse realtà

Possibili aree d’intervento:

  1. OSPEDALI (AVO – Associazioni Volontari Ospedalieri)
  2. CARCERI 
  3. ASSOCIAZIONI PER DISABILI (es. ViviDown)
  4. CENTRI DI RIABILITAZIONE ONCOLOGICA
  5. CENTRI DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO IMMIGRATI
  6. CENTRI PER L’ADOLESCENZA
  7. CENTRI DI RIABILITAZIONE DIPENDENZE
  8. CONSULTORI 
  9. OSPIZI 
  10. CENTRO DONNE/GRAVIDANZA

 

  • Il primo progetto di Social Yoga proposto da Marianna è un corso di yoga presso il carcere San Vittore di Milano. Il progetto inizierà con la partecipazione alla “Merenda sociale” organizzata nel carcere al fine di conoscere lo staff e i detenuti della struttura (in seguito alla richiesta dell’articolo 17).

 

  • Iniziare collaborazioni strette con associazioni, cooperative e istituzioni no-profit operanti nel settore dello yoga per il sociale, in modo da creare una rete efficiente e virtuosa

 

Ti interessa questo progetto e vuoi sostenerlo col tuo tempo o proponendo idee e iniziative?

Sei un'associazione, una cooperativa, un ente no-profit che opera in ambito sociale e vuoi proporci una collaborazione?

Scrivi a margherita@yogacollective.eu !

 

YC Tutoring

  • Come si passa dalle idee alla pratica?

  • Da dove partiamo? E dove arriviamo?

  • Come si fa un progetto?

Questa pagina è dedicata al progetto di un progetto, ovvero agli strumenti che usiamo per rispondere in modo efficiente a queste semplici domande per passare velocemente dalla teoria alla pratica.


IL GRADO ZERO

L'immaginazione e la fantasia sono importanti per creare qualcosa di nuovo, ma dopo la fase creativa bisogna dare forma alle idee. Il passaggio dalla teoria alla pratica è il primo banco di prova per la realizzabilità dei nostri progetti. Schematizzare, descrivere le idee e collegare le parti aiuta a creare coerenza. Il prodotto della nostra mente così diventa semplice, presentabile e soprattutto condivisibile. Attraverso questi passaggi possiamo iniziare a lavorare collettivamente alla realizzazione di un'idea.


LA NASCITA DI UN PROGETTO

Ecco un documento molto semplice che può aiutarti a schematizzare le idee. Scaricalo e inizia a realizzare i tuoi sogni.

  1. Nome del progetto  
  2. Idea - spiega con due frasi sintetiche il contenuto del tuo progetto
  3. Obiettivi - cosa realizzerà il progetto?
  4. Iniziativa come si realizza il progetto? 
  5. Strumenti cos'è necessario per realizzare il progetto? 
  6. Gruppo di lavoro - che competenze servono per realizzare il progetto? 
  7. Prime attività